La serotonina, l’ormone della felicità.

0
609
serotonina ormone della felicità
serotonina ormone della felicità

La serotonina, detta anche l’ormone della felicità, svolge un ruolo importante nella regolazione dell’umore, del sonno, della sessualità e dell’appetito, oltre ad avere altre funzioni importanti, vediamo di approfondirne la conoscenza.

Cos’è la serotonina:

La serotonina è un neurotrasmettitore sintetizzato nei neuroni, nel sistema nervoso centrale, e nell’apparato gastrointestinale, troviamo le concentrazioni maggiori, in tre parti specifiche del nostro corpo:

  • a livello intestinale, circa il 90% del totale
  • nel sangue, e precisamente nelle piastrine
  • nel sistema nervoso centrale

Venne scoperta nel 1935, proprio a Roma, da Vittorio Erspamer, un farmacologo italiano, venne chiamata dapprima enteramina, poi nel 1948, cambiò nell’attuale nome, viene prodotta dall’organismo per decarbossilazione, del triptofano, un amminoacido essenziale, e sembra che sia molto influenzata dalla luce.

Più sono alti i livelli di serotonina, più il nostro umore è alto, ma fino a che punto?

I valori normali rientrano tra 100 e 280 ng/ml, questo valore potete vederlo dagli esami del sangue, e capire se la vostra depressione dipende proprio dai valori che sono al di sotto di questo range.

Che funzioni svolge nell’organismo la serotonina:

La serotonina, svolge moltissime funzionalità biologiche nel nostro organismo, come mediatore chimico, ciò significa che interagendo con recettori diversi, svolge più azioni, a seconda di dove si trova, vediamo di andare più a fondo e di capire quali sono:

  • regola i cicli di sonno e veglia
  • regola il controllo dell’appetito, e la digestione, innescando il senso di sazietà precoce
  • controlla e regola la pressione sanguigna, agendo sulla contrazione delle arterie
  • funge da stimolatore nella contrazione della cosiddetta muscolatura liscia di vescica e bronchi
  • la presenza è direttamente proporzionale al comportamento sessuale e sociale, oltre che alla temperatura corporea, infatti la mancanza di serotonina o un deficit nel sangue può essere la causa di depressione, stati di ansia, di comportamenti aggressivi
  • aiuta e regola la memoria e l’apprendimento
  • è importante nella formazione delle ossa
  • nella coagulazione del sangue
  • nei movimenti peristaltici del tratto gastrointestinale

un basso valore di serotonina invece,

  • può essere la causa di emicrania
  • dei disturbi bipolari
  • di disturbi ossessivo compulsivi
  • di manie ossessive
  • può essere la causa principale di eiaculazione precoce
  • ansia
  • attacchi di fame
  • bulimia

Come stimolare la produzione della serotonina:

La timolazione da parte dell’organismo di produrre una maggiore quantità di serotonina, può essere importante, nel caso in cui avete dei livelli bassi, con dei campanelli d’allarme abbastanza chiari, come sempre diciamo, la cosa migliore è sempre quella di rivolgersi al proprio medico curante, che vi farà fare, prima di tutto degli esami, e poi una volta presi i risultati, vi consiglierà la cura, noi ci limitiamo a descrivere, quali sono gli alimenti e lo stile di vita giusto per far sì che, la produzione di serotonina, sia stimolata in modo naturale:

  • attività fisica all’aria aperta, infatti l’attività fisica viene suggerita a chi ha problemi di depressione, proprio per questo motivo, migliorando la respirazione e l’ossigenazione dei tessuti.

Rimedi naturali per stimolare la produzione della serotonina nel corpo:

Ci sono alcuni tipi di cibi e di alimenti naturali, che aiutano il corpo nell’espletare questa funzione, innescando una serie di reazioni, i cibi sono:

  • ciccolato fondente perchè ricco di zuccheri semplici il feniletilamina una sostanza simile alla serotonina
  • il cacao
  • le prugne
  • le banane
  • i pomodori
  • le visciole
  • le ciliegie
  • i kiwi
  • le noci
  • i carboidrati
  • cereali ricchi di carboidrati complessi garantiscono un apporto duraturo
  • cereali e proteine come i latticini freschi, assunti insieme
  • mix tra cereali, ortaggi, frutta, latticini e pesce, garantisce un apporto ottimale di diverse vitamine del gruppo B
  • i dolci
  • il caffè
  • thè
  • alcolici da usare però con cautela perchè portano a sbalzi d’umore e spesso peggiorano la situazione
  • le spezie come lo zafferano, la cannella, lo zenzero,
  • erbe aromatiche ricche di oli essenziali come il timo e il rosmarino
  • latte, yogurt e latticini freschi, come abbiamo detto, contengono triptofano il precursore della serotonina
  • legumi, ricchi di triptofano
  • pesci grassi ricchi di omega 3 e omega 6, che hanno effetto antidepressivo

Ci sono poi piante e ritrovati che si possono trovare in erboristeria, che si definiscono antidepressivi naturali, e svolgono un’azione simile a quella della serotonina:

  • flavonoidi dell’iperico
  • l’ipericina
  • la rhodiola
  • i semi di griffonia
  • la spirulina
  • la maca
  • il polline
  • il magnesio