Marchi famosi di pasta contengono pesticidi, vediamo quali.

0
2476
spaghetti pesticidi

Da un test effettuato su alcuni campioni di pasta di marchi famosi, hanno evidenziato la presenza di pesticidi nel grano.

Oggi siamo tutti molto attenti a cibarci di alimenti sani, e soprattutto cerchiamo di seguire alla lettera gli standard ormai noti per un’alimentazione sana, equilibrata e ricca di tutti i nutrienti necessari a far star bene e in forma il nostro corpo, ma purtroppo questo non sempre basta.

Non basta perchè molto spesso in alcuni alimenti che ingeriamo sono contenute sostanze nocive, dalle carni, alle verdure, anche allo stesso pane, che vengono realizzati con materie prime trattate chimicamente, e quindi indirettamente andiamo ad assumerle, spesso inconsapevoli.

Nel caso specifico della pasta, che prendiamo in esame in questo articolo, vediamo come uno studio realizzato nei primi mesi del 2016 abbia portato alla luce che, alcuni marchi molto famosi, biologici e non che quasi tutti noi utilizziamo quotidianamente e che troviamo in tutti i supermercati, contengano pesticidi, addirittura circa la metà dei campioni ha riscontrato questo dato.

Marchi famosi di pasta che contengono pesticidi:

Dall’analisi fatta in laboratorio di confezioni di spaghetti acquistati, di produzione italiana ed estera, per la precisione 7 erano italiani, insomma su 5 di questi campioni sono state trovate tracce di pirimifos metile, che viene utilizzato per conservare il grano, i marchi sono i seguenti:

  • Barilla
  • La pasta di Flavio
  • Prix Garantiè
  • Combino
  • Reggano
  • conad
  • Divella
  • Voiello

(dati presi da: “Il test Salvagente“)

In altri tipi di pasta invece sono stati trovati altri tipi di pesticidi, tipo il terbufos, un insetticida utilizzato per le coltivazioni di tabacco, mais e barbabietole, in altri la Cipermetrina, Acaricida, utilizzata solitamente nelle coltivazioni di caffè.

C’è da dire però, se vogliamo confortarci in qualche modo, che le quantità rilevate non superavano in nessun caso il limite stabilito dalla legge, anche se erano molto vicini, da 0,007 a 0.010 mg/kg consentito.

Nessuna traccia di pesticidi invece nelle marche che trovate nell’immagine di seguito:

marchi famosi di pasta che non contengono pesticidi

(foto presa da “Il Fatto alimentare“)