Emorroidi – cure e rimedi naturali

0
147

Le emorroidi sono un problema molto diffuso tra la popolazione, che può essere curato grazie ai rimedi che la natura ci mette a disposizione e ad uno stile di vita sano.

Tale argomento spesso, per pudore, viene evitato, ma ciò non vuol dire che questa malattia è rara, anzi, ci sono moltissime persone che soffrono a causa di questo fastidioso disturbo nella zona anale.

Cosa sono le emorroidi?

Le emorroidi sono una dilatazione delle vene sottomucose, dovuta alla rottura dei plessi venosi che si trovano all’interno dei cuscinetti che costituiscono la zona anale, alla quale si aggiunge un’infiammazione del tessuto connettivo circostante.

Sintomi:

Le emorroidi si dividono in due tipologie e possono essere di varia intensità:

Le emorroidi esterne si sviluppano all’esterno del canale rettale e sono facilmente riconoscibili perché si presentano come una specie di grumo che fuoriesce dall’ano. Possono rendere difficoltose semplici azioni quotidiane quali il sedersi, camminare o sdraiarsi accompagnate da sensazione di peso, gonfiore, prurito e punture a seconda di quanto sviluppata è l’emorroide
Le emorroidi interne si sviluppano all’interno del canale rettale e il sintomo più comune è il sanguinamento, che si nota nelle feci o tracce di sangue sulla carta igienica o sulla biancheria intima, accompagnato da prurito anale e dolore . Il sanguinamento è un sintomo da non sottovalutare e tenere in particolare modo sotto controllo perché può provocare anemia.

Cause:

Possono essere molteplici le cause delle emorroidi.
▪ Ereditarie – lo sforzo fisico o l’aumento di pressione dentro l’addome, ma anche la defecazione, la tosse, uno starnuto o la gravidanza possono causare il “ringonfiamento” delle emorroidi.
▪ Problemi di fegato – se affaticato scarica la sua congestione sulla vena porta che a sua volta apporta più sangue proprio alle emorroidi.
▪ La stitichezza – una dieta squilibrata a base di alimenti raffinati e povera di fibre.
▪ La gravidanza – le emorroidi possono manifestarsi più facilmente oppure peggiorare nelle donne in gravidanza che hanno una maggiore fragilità capillare.
▪ Vita sedentaria e mancanza di attività fisica possono altrettanto causare la comparsa delle emorroidi.

Alimentazione e dieta:

Una sana ed equilibrata alimentazione ricca di fibre è molto importante per chi soffre di questa malattia, per evitare l’infiammazione delle emorroidi e facilitarne l’evacuazione.
Da evitare assolutamente:

Bere molto è importantissimo, almeno 2 litri al giorno, per favorire il transito intestinale e migliorare la depurazione.

Rimedi naturali:

Aggiungere alla propria dieta alcuni alimenti per favorire il buon funzionamento del fegato: le verdure di stagione quelle amare come il radicchio, il tarassaco e il carciofo, che hanno azione colagoga (facilita l’espulsione della bile dalla cistifellea) e coleretica (aumenta la produzione di bile) di grande aiuto per depurare il nostro fegato/organismo.

Anche alcune piante ricche di flavonoidi, sono in grado di rendere più forti ed elastiche le pareti dei vasi per la cura delle emorroidi. (l’importanza dei flavonoidi è confermata da uno studio del 2015 pubblicato su PubMed fatto dai ricercatori del Policlinico di Bari.)
La Peonia (Paeonia officinalis)- una pianta ricca di flavonoidi e tanini e dalle proprietà spasmolitiche che calmano il dolore e astringente sul plesso venoso. Si trova sotto forma di Tintura Madre o pomate antiemorroidali.
L’ippocastano (Aesculus hippocastanum) – una pianta molto utilizzata in queste situazioni. Contiene escina e cumarine che aiutano a diminuire l’infiammazione, il gonfiore e la permeabilità capillare, il suo fitocomplesso agisce sia come un cortisonico (blocca l’enzima lipossigenasi) che come un farmaco antinfiammatorio (blocca l’enzima ciclossigenasi). Si trova sotto forma di tintura madre o in capsule.
Il Pungitopo/Rusco (Ruscus aculeatus) – una pianta ricca conosciuta per le sue proprietà venotoniche, antinfiammatorie e astringenti, che aiutano a ridure il dolore e il gonfiore e a prevenire la ricomparsa del disturbo. Si trova sotto forma di tintura madre, in capsule (contenenti l’estratto secco) e alla base anche di molte pomate per la cura delle emorroidi.
L’Amamelide (Hamamelis virginiana) – una pianta ricca di flavonoidi e tannini, ha un’azione astringente, vasotonica e vasoregolatrice. Si trova sotto forma di tintura madre, in capsule e nelle pomate per le emorroidi.
Da non sottovalutare l’igiene quando si parla di emorroidi perché è molto importante. Sconsigliato l’uso del sapone, irrita la parte interessata, da preferire i detergenti non schiumogeni come latti o olii detergenti dal pH neutro e privi di profumi, alcool, parabeni, siliconi etc.